KEYWORDS
A    B    C    D    E    F    G    H    I    J    M    R    S   
CAMBIALI FINANZIARIE
Titoli di credito emessi in serie, equiparati per ogni effetto di legge alle cambiali ordinarie, aventi scadenza non inferiore a 3 mesi e non superiore a 12 mesi dalla data di emissione. Il taglio minimo unitario è di 51.645,69 euro.
CARTOLARIZZAZIONE
La cartolarizzazione è una tecnica finanziaria che prevede la cessione pro soluto di attività patrimoniali capaci di generare flussi di cassa, quali ad esempio crediti o immobili, ad una società appositamente costituita (detta "società veicolo") a fronte della corresponsione di un prezzo di cessione. La società veicolo finanzia tale pagamento tramite l'emissione di titoli che verranno rimborsati esclusivamente con i ricavi ottenuti dalla gestione delle attività cedute. L'emissione dei titoli è definita "senza ricorso" in quanto il cedente non ne garantisce in alcun modo il rimborso nel caso i flussi di cassa generati dalle attività cedute non siano sufficienti.
COLLOCAMENTO PRODOTTI FINANZIARI
Per collocamento di prodotti finanziari si intende la gestione su base individuale di portafogli di investimento per conto terzi. Si tratta del servizio con il quale il cliente delega l'intermediario a compiere sia le scelte di investimento relative ad un dato portafoglio, contenitore di strumenti finanziari e denaro, sia le attivit√† necessarie affinch√© tali scelte siano tradotti in termini operativi, ossia la trasmissione degli ordini relativi o diretta esecuzione dei medesimi. Al completamento dell'attivit√† di gestione √® necessaria l'attivit√† di negoziazione che pu√≤ essere esercitata dallo stesso intermediario, oppure trasmettendo gli ordini ad altro intermediario autorizzato all'esercizio di negoziazione. In sintesi, il collocamento di strumenti finanziari consiste nell'attivit√† svolta dall'intermediario a favore del soggetto che offre i prodotti finanziari e che si concretizza con il collocamento degli stessi presso il pubblico. Pi√Ļ in generale, indica l'attivit√† diretta a far acquistare dai risparmiatori nuovi titoli o titoli gi√† emessi.
COMMISSIONI BANCARIE
Compenso percentuale spettante alle banche per i servizi prestati e per le operazioni di finanziamento.
COMMISSIONI DI GESTIONE
Compenso percentuale che la società di gestione trattiene come remunerazione per la gestione dei prodotti finanziari che le sono stati affidati. La somma viene trattenuta automaticamente sul valore unitario delle quote, sempre espresso al netto delle commissioni di gestione.
COMMISSIONI DI PERFORMANCE
Compenso aggiuntivo che le società trattengono per la buona gestione dei prodotti finanziari affidati. Tali compensi sono calcolati in base ad un parametro di riferimento stabilito.
CONCORDATO FALLIMENTARE
Il concordato fallimentare √®, ove vengano rispettate determinate condizioni, una delle forme di chiusura del fallimento. La proposta di concordato pu√≤ essere presentata da uno o pi√Ļ creditori o da un terzo, anche prima del decreto che rende esecutivo lo stato passivo, purch√© i dati contabili e le altre notizie disponibili consentano al curatore di predisporre un elenco provvisorio dei creditori del fallito da sottoporre all'approvazione del giudice delegato. In merito al contenuto della proposta de quo, essa pu√≤ prevedere la suddivisione dei creditori in classi, secondo posizione giuridica ed interessi economici omogenei oppure trattamenti differenziati fra creditori appartenenti a classi diverse, indicando le ragioni dei trattamenti differenziati dei medesimi. La proposta pu√≤ anche indicare trattamenti differenziati fra creditori appartenenti a classi diverse oppure optare per la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma. Nel delineare le modalit√† di votazione e di formazione della maggioranza, l'art. 128 l.fall. stabilisce, in via generale, che il concordato √® approvato se riceve il voto favorevole dei creditori che rappresentino la maggioranza dei crediti ammessi al voto. Decorso il termine stabilito per le votazioni, il curatore presenta al giudice delegato una relazione sul loro esito. Se la proposta √® stata approvata, il giudice delegato dispone che ne sia data immediata comunicazione al proponente, al fallito e ai creditori dissenzienti e fissa un termine per la proposizione di eventuali opposizioni. Se entro quel termine non vengono proposte opposizioni, il tribunale, verificata la regolarit√† della procedura e l'esito della votazione, omologa il concordato con decreto motivato non soggetto a gravame, provvedendo con decreto motivato e pubblicato a norma dell'articolo 17 l.fall.. Tale forma di pubblicit√† √® funzionale anche all'eventuale proposizione del reclamo dinanzi alla corte di appello, che pronuncer√† in camera di consiglio.
CONGIUNTURA
Andamento dei fenomeni economici in un breve periodo, definito da 1 a 12 mesi.
CONTO ECONOMICO
Documento contabile contenente i conti dei profitti e delle perdite. Sono indicati i costi, i ricavi e l'utile o la perdita dell'esercizio in corso.
CONTRATTI BANCARI
Attraverso i contratti bancari tipici, la banca esercita la sua funzione tipica di impresa di intermediazione nel credito che si realizza attraverso lo svolgimento di operazioni attive e passive. Con le prime, la banca impiega la propria disponibilità di capitali concedendo credito ed assumendo così la veste di creditore; con le seconde raccoglie risparmio tra il pubblico, assumendo la veste di debitrice. Appartengono alla categoria dei contratti bancari tipici il deposito bancario, l'apertura di credito e lo sconto bancario. Inoltre, vengono fatti rientrare anche quelli attraverso i quali si attua l'intervento della banca nei pagamenti, quali i conti correnti bancari, le convenzioni di assegno, i crediti documentari. Diversamente, si considerano operazioni accessorie quelle attività mediante le quali la banca non svolge la sua tipica attività intermediaria nel credito, ma presta al pubblico servizi diversi come il deposito di titoli in amministrazione, il servizio della cassetta di sicurezza, i depositi di custodia di titoli e valori, i depositi a custodia chiusi, il servizio incassi di titoli o di valuta estera, il cambio della moneta ed altri. Infine si parla di contratti occasionalmente bancari ogniqualvolta la banca si avvale di strumenti negoziali previsti dall'ordinamento a favore di tutti i soggetti (ad es. mutuo, riporto, fideiussione, avallo, accettazione cambiaria, mandato di credito). Tali contratti, in quanto posti in essere da una banca, pur non assumendo la qualifica di contratti bancari, possono tuttavia subire modifiche nella loro disciplina (ad es. un mutuo può assumere particolari caratteri nei cd. finanziamenti bancari nei quali, pur rimanendo invariata la causa del negozio, diventa sempre elemento del contratto la destinazione della somma mutuata: cd. mutuo di scopo).
CREDITO AGEVOLATO
Finanziamento a tasso inferiore a quello di mercato sulla base di un provvedimento legislativo.
CREDITO AL CONSUMO
Consiste in una facilitazione finanziaria a favore del consumatore da parte di imprese commerciali o di liberi professionisti. Si applica solitamente attraverso dilazioni di pagamento o finanziamenti diretti o indiretti.
CREDITO DOCUMENTARIO
Il credito documentario √® una operazione bancaria (detta anche "lettera di credito") universalmente utilizzata per il regolamento di transazioni commerciali interne ed internazionali. Pi√Ļ precisamente, un credito documentario √® un impegno scritto di una banca (emittente) emesso per ordine di un compratore (ordinante) a favore di un venditore (beneficiario) ad effettuare un pagamento (a vista o differito) contro ritiro di determinati documenti relativi alla spedizione delle merci e dopo verifica del rispetto delle altre condizioni contrattuali previste dalle parti (purch√© inserite nel credito stesso). Il credito documentario √® uno strumento messo a punto dalla prassi bancaria e commerciale, per ovviare agli inconvenienti relativi alle transazioni commerciali, soprattutto internazionali, tra parti residenti in luoghi distanti comportando difficolt√† nella conclusione degli affari. Ha caratteristiche di autonomia, in quanto √® una operazione separata e distinta dal contratto commerciale sottostante e quindi gli obblighi delle banche intervenute non possono essere annullati o modificati con riferimento a rapporti contrattuali o extra contrattuali estranei al credito stesso; di astrattezza, tutte le parti devono basarsi esclusivamente su documenti e non sulle merci da essi rappresentate o descritte e cos√¨ pure il rispetto delle condizioni contrattuali deve essere verificato solo attraverso l'analisi dei documenti stessi; di formalismo, la conformit√† deve essere esclusivamente formale con esclusione di ogni giudizio sull'efficacia, veridicit√† o portata dei documenti esaminati.
CREDITO FONDIARIO
Le banche possono concedere tale credito per finanziamenti a medio-lungo termine garantiti da un'ipoteca di primo grado su immobili.
A    B    C    D    E    F    G    H    I    J    M    R    S